Home Fattrici Buckandsons: The second life project The second life project: La Lina.

The second life project: La Lina.

0

Comincio facendo una premessa: l’amore per questa razza nacque nel 2008, quando io e i miei genitori prendemmo la nostra prima bulla, purtroppo morta a maggio 2018, lasciandoci un grande vuoto. Dopo qualche mese di “astinenza” decisi di iniziare la ricerca di un altro bulldog da prendere con il mio fidanzato. Volevamo adottare per dare la possibilità a un bulletto di vivere in una nuova famiglia, di salire sul divano, dormire vicino a noi…insomma dargli tutti i vizi possibili, perché chi ha un bulldog, sa benissimo che senza di loro non si può stare, per noi sono essenziali come l’aria.

Una domenica pomeriggio per caso vedemmo l’annuncio di Lina su Facebook che stava cercando casa, anzi un divano, così chiamammo subito Luana chiedendole se era possibile andare a conoscere la cagnolina di persona… nel giro di mezz’ora eravamo lì.

Lina ci venne incontro tutta felice e subito ci fece innamorare con i suoi dolcissimi occhioni espressivi, tant’è che Luana l’aveva soprannominata Occhi Belli, non per niente… Ci aveva già conquistato, era lei che cercavamo! Facemmo tutte le domande necessarie riguardo le abitudini di Lina e la sua salute (sana come un pesce). Non nego però il timore e le preoccupazioni nel prendere un cane di 4 anni e mezzo con già le sue abitudini, perché temevamo di non riuscire a farla integrare nella nuova casa e nella nuova vita.

La settimana successiva tornammo a prenderla per portala a casa. All’inizio era un po’ disorientata, giustamente, aveva paura di ogni cosa, rumori e ombre, ma nonostante questo si è mostrata da subito tanto socievole, coccolona e molto educata. Le preoccupazioni svanirono dopo pochi giorni. Tra noi nacque un feeling speciale, ci guardava come se fosse stata da sempre con noi, probabilmente aveva capito che era capitata in buone mani.

Non abbiamo dovuto insegnarle niente, perché per fortuna ci avevano già pensato Luana e Laura; è sempre stata super ubbidiente già dal primo giorno, tant’è che fin da subito mi sono sentita di lasciarla libera dal guinzaglio perché lei sta perfettamente al nostro passo, e non si allontana (ovviamente solo quando siamo a passeggio in posti sicuri dove so che non passano macchine). Sono passati quasi 3 mesi da quando HaLina, (nome che io e il mio fidanzato le abbiamo dato) è entrata nella nostra vita, ed è diventata la nostra figlia pelosa.

Ci ha riempito la casa, le giornate e sopratutto il cuore, quindi consiglio vivamente a tutti, chi ne ha la possibilità, di intraprendere un’ esperienza di questo genere, perché cambia la vita!

P.S. un ringraziamento enorme va a Luana e Laura che ci hanno dato fiducia e la possibilità di vivere tutto questo, grazie davvero di cuore!!

DC

SHARE