Home Fattrici Buckandsons: The second life project Fattrici B&S:The second Life. Buckandsons Pascià

Fattrici B&S:The second Life. Buckandsons Pascià

7

 

La dolce Coscia, BuckandSons Pascià, è stata donata ad una giovane coppia, miei clienti, che avevano vissuto una brutta avventura.

Ho cercato di riportare loro il sorriso.

E’ stata una brava cagnina, ha partorito tre volte una nel 2014, una nel 2016 ed infine l’ultima volta l’anno successivo.

Missione compiuta: il sorriso è ritornato.

Luana Martinini

Coscia e Giorgio

Ciao a tutti. Siamo Giorgio e “Coscia” e vi raccontiamo la nostra storia.

Tutto ebbe inizio nell’agosto del 2014 quando, su Facebook, vidi per la prima volta un cucciolo bellissimo. Il suo nome era “Muschio”.

Chiamai all’istante la mia compagna Daisy e le parlai della meravigliosa creatura appena vista. Lei mi invitò a contattare subito l’allevamento “Buckandsons”   per fissare un incontro. Ricordo che allora feci un profondo respiro, per cacciare ogni paura ed esitazione, quindi composi il numero di telefono dell’allevamento. Quell’attimo rappresenta l’inizio della”nostra storia”.

Recatomi, con la con la mia compagna, a Tavullia, ho incontrato di persona Luana, la proprietaria dell’allevamento. Affabile Luana ci raccontò tutto della sua passione : la storia dell’allevamento e di cosa significasse avere nella propria famiglia un bulldog.  Luana ci mostrò le cucciolate e  Muschio, con lui fu il “tipico colpo di fulmine”. Io e Daisy non esitammo minimamente ad ampliare la nostra famiglia nella quale era già presente un bulldog  francese. Muschio era perfetto: bellissimo, vivace, tenero, monello, instancabile; una vera forza della natura. Io e Daisy non avremmo potuto fare una scelta migliore!

Purtroppo un veterinario, noto in zona, rivelatosi poi incompetente sulla razza, per un semplice riposizionamento della terza palpebra, ci strapperà via per sempre il piccolo Muschio, a soli 4 mesi di età.Il dolore fu talmente grande che, come dissi a Luana, non volevo più saperne di altri animali. Continuai ad avere contatti frequenti e cordiali con l’allevamento, anche se ora mi ritrovavo senza il mio delizioso affettuosissimo pelosetto, un vero angelo gioioso.

L’amicizia con Luana si consolidava nel tempo. Così, dopo quasi 11 mesi, Luana mi scrisse che voleva darmi in adozione “Coscia”, la mamma di Muschio.

Inizialmente ero molto dubbioso, non avevo più il coraggio di ricominciare. La morte di Muschio non era stata colpa mia e tuttavia mi sentivo ugualmente in colpa. Tante le domande ed i dubbi. Forse, se fossi andato da un altro veterinario, le cose sarebbero andate diversamente. Parlai della proposta ricevuta da Luana con la mia compagna. Lei mi disse che se non avessi accolto Coscia nella nostra famiglia sicuramente me ne sarei pentito per tutto il resto della mia vita.

Il dolore per la perdita di Muschio però non mi dava tregua, mi tormentava, mi logorava. Ero come paralizzato, non riuscivo a trovare il coraggio di fare una scelta.

Un sabato mattina, rientrato da una giornata di lavoro, trovai a casa lei: Coscia! Tutti i dubbi e le incertezze svanirono in un attimo. Guardai negli occhi Coscia e, da quell’istante, fu subito “amore a prima vista”!

Diciamo che un destino bizzaro ci ha fatti incontrare ma, da quel momento e successivamente, stare in compagnia di Coscia è quello di cui avevo bisogno: una creatura stupenda dal carattere simpatico e dolce, educata con i bambini. Ama stare nel divano quasi quanto me!

Che altro posso aggiungere se non affermare che un miglior regalo la vita non poteva farmi!  Mi ha dato così tanto coraggio che, insieme alla mia compagna, per non farci mancare nulla, abbiamo allargato la famiglia e, dopo poco tempo, è arrivata anche Fiona, una figlia di Coscia.

SHARE

7 COMMENTS

  1. Anche io ho un francesino…..e sogno di avere un inglese…..non oso pensare al dolore che avete provato…..vi abbraccio e vi auguro una buona vita insieme ai vostri bulli

  2. Purtroppo sappiamo che i casi di negligenza veterinaria non sono infrequenti,
    per questo raccomandiamo una volta di più attenzione nella scelta del Veterinario.

  3. Sono commossa nel leggere queste parole. Comprendo il vostro dolore perché proprio un veterinario è stato la causa della morte di Morgana, la mia stupenda bulla. Avete fatto la scelta migliore adottando la mamma del vostro Muschio e poi Fiona. Vi auguro tanta gioia e serenità e soffio un bacino a Muschio fino al cielo ❤