Home Articoli Introduzione ai disturbi digestivi dei cani. Parte prima.

Introduzione ai disturbi digestivi dei cani. Parte prima.

0

L’apparato digerente comprende tutti gli organi coinvolti nell’assunzione e nell’elaborazione del cibo. Inizia con la bocca e comprende esofago, stomaco, fegato, pancreas, intestino, retto e ano.

Il processo di digestione inizia quando il cane prende il cibo con la bocca e inizia a masticare. Gli enzimi trovati nella saliva iniziano a rompere il cibo chimicamente. Il processo continua con la deglutizione, la ripartizione del cibo nello stomaco, l’assorbimento dei nutrienti nell’intestino e l’eliminazione dei rifiuti.

La digestione è fondamentale non solo per fornire sostanze nutritive, ma anche per mantenere il corretto equilibrio di liquidi ed elettroliti (sali) nel corpo.

Le funzioni del sistema digestivo possono essere suddivise in 4 categorie principali:

digestione,

assorbimento dei nutrienti,

motilità (movimento attraverso il tubo digerente)

eliminazione delle feci.

Quando si tratta un problema del sistema digestivo, l’obiettivo del veterinario è identificare innanzitutto la parte del sistema in cui si trova il problema e quindi determinare la causa specifica e il trattamento appropriato.

Segni di malattia del sistema digestivo possono includere scialorrera con produzione di bava eccessiva, diarrea, stitichezza, vomito o rigurgito, perdita di appetito, sanguinamento, dolore addominale e gonfiore, tensione a defecare, shock e disidratazione. La posizione e la natura della malattia spesso possono essere determinate dai segni che il vostro animale domestico mostra. Ad esempio, le anomalie nel mordere, masticare e deglutire di solito sono associate a malattie della bocca, dei denti, della mascella o dell’esofago. Il vomito è solitamente dovuto ad infiammazione del rivestimento dello stomaco o dell’intestino (gastroenterite) causata da infezione o irritazione. Tuttavia, il vomito può anche essere causato da una condizione non digerente, come la malattia renale.

La diarrea è spesso un segno dei disturbi del sistema digestivo, ma può avere molte cause. La diarrea acquosa in grandi scariche di solito è associata a ipersecrezione, una condizione in cui il liquido in eccesso viene secreto nell’intestino. Questo può essere causato da un’infezione batterica.

La diarrea può anche essere causata da malassorbimento, cioè l’incapacità di assorbire correttamente i nutrienti. Il malassorbimento è dovuto a un difetto nelle cellule intestinali responsabili dell’assorbimento. Questa condizione può essere causata da diversi virus (ad esempio, parvovirus canino, coronavirus, rotavirus). Il malassorbimento può anche essere causato da qualsiasi difetto che limiti la capacità dell’intestino di assorbire liquidi o da difetti nelle secrezioni pancreatiche necessarie per un’efficace digestione.

In rari casi, i cuccioli appena nati possono avere la diarrea mentre vengono nutriti con latte perché non sono in grado di digerire il lattosio. Disidratazione e squilibrio elettrolitico (sale), che può portare a shock, sono visti quando si perdono grandi quantità di liquidi (ad esempio, dalla diarrea).

Cambiamenti nel colore, nella consistenza o nella frequenza delle feci sono un altro segno di problemi digestivi. Le feci nere e catramose possono essere un segno di sanguinamento nello stomaco o nell’intestino tenue. Trattenere durante i movimenti intestinali di solito è associata con l’infiammazione del retto e dell’ano. Distensione addominale (gonfiore) può derivare da accumulo di gas, liquidi o cibo ingerito, di solito a causa della ridotta attività dei muscoli che muovono il cibo attraverso il sistema digestivo. La distensione può anche essere causata da un’ostruzione fisica, come un oggetto estraneo o intussuscezione (inserimento di una parte dell’intestino in un’altra), o da qualcosa di semplice come l’eccesso di cibo.

Il dolore addominale è dovuto allo stiramento o all’infiammazione delle membrane addominali e può variare in intensità. Un cane può reagire ai dolori addominali lamentandosi, e assumere posizioni anormali (ad esempio, gli arti anteriori distesi, il torace sul pavimento e le zampe posteriori sollevate).


È importante informare sempre il veterinario, La tua descrizione completa e accurata dei sintomi combinata con l’esame clinico di un veterinario può spesso determinare la causa di un problema al sistema digestivo. Quando si sospetta un disturbo del sistema digestivo, l’esame iniziale del veterinario potrebbe includere un’ispezione visiva della bocca e dell’addome per i cambiamenti di dimensioni o forma; un’ispezione dell’addome (attraverso la parete addominale o attraverso il retto) per valutare la forma, le dimensioni e la posizione degli organi addominali; auscultazione attraverso uno stetoscopio qualsiasi suono addominale anomalo. Il veterinario vorrà ispezionare le feci del tuo cane.

A seconda di ciò che rivela l’esame iniziale, potrebbero essere necessari test aggiuntivi per determinare la causa del problema. Questi potrebbero includere test di laboratorio su campioni contenenti sangue o feci per determinare se sono coinvolti batteri o virus, nonché procedure specializzate quali imaging a raggi X, ecografia o uso di un endoscopio per eseguire un esame interno dell’esofago, dello stomaco, del duodeno , due punti e / o retto. A volte è necessario raccogliere il liquido dagli organi addominali gonfiati o dalla cavità addominale per l’analisi; questo viene fatto con un ago lungo e cavo. Altri test a volte necessari includono biopsie (campionamento e analisi microscopiche) di tessuto epatico o intestinale e analisi del sangue per rilevare possibili malassorbimento o cattiva digestione.

Fonti

Artt vv Di Stanley I. Rubin DVM, MS, DACVIM, Dipartimento di Medicina Clinica Veterinaria, College of Veterinary Medicine, Università dell’Illinois a Urbana-Champaign

SHARE