Home redazionali Perché dobbiamo acquistare un cane testato. Manuela Chicco.

Perché dobbiamo acquistare un cane testato. Manuela Chicco.

0
Sui gruppi Facebook, da qualche anno a questa parte, oltre alla miriade di utenti che propongono cucciolate senza pedigree, nate da accoppiamenti del tutto casuali, assistiamo ad un aumento della richiesta di cuccioli a basso costo o addirittura gratis.

Costantemente, tutti i giorni, girando nei vari gruppi di razza, troviamo pubblicati post di utenti alla ricerca di cuccioli di bulldog (ma vale un po’ per tutte le razze) unica richiesta: SPENDERE POCO.
Ovviamente in risposta a questi post troviamo i commenti dei soliti noti che propongono le loro cucciolate casalinghe, a prezzo “ragionevole” e senza pedigree, ovviamente, perchè tanto non serve e senza nessun tipo di controllo genetico.
Gli utenti che richiedono cuccioli da spender poco, sono gli stessi che poi inciampano nel cagnaro di turno, acquistano su subito.it o nei negozi e che poi, una volta in possesso del bulletto, iniziano la drammatica richiesta di consigli medici, perché questi poveri piccoletti sono affetti da ogni sorta di patologia.
Iniziano le corse dal veterinario perchè il povero cagnolino sta’ perennemente male, ha problemi di ogni genere, che purtroppo si portano dietro per tutta la vita, facendo si che quel risparmio iniziale avuto nell’acquisto, non sia minimamente paragonabile all’esborso di denaro per curare i vari problemi (più o meno gravi).
Spesso il cane malato viene “ceduto” ai canili o ai rescue, per essere poi sostituito con altro cucciolo, spesso sempre di dubbia provenienza, perché ovviamente è  meglio tentare la fortuna tipo roulette russa, anziché far tesoro dell’esperienza fatta.
Cercare di indirizzare queste persone verso allevamenti seri è del tutto inutile, continuano imperterriti nella loro ricerca, poco importa se così facendo alimentano il traffico di cuccioli dall’est o delle cucciolate casalinghe, a loro interessa solo avere il cane alla moda,che fa figo senza metter mano al portafoglio.
Riuscire a far capire che per comprare un cane di razza, sopratutto un bulldog comporta una serie di spese “accessorie” che superano di gran lunga il costo iniziale dell’acquisto.
Affidarsi ad un ottimo allevamento è sicuramente un modo per avere un cane potenzialmente sano, che vedrà il veterinario per i controlli di routine o in poche altre occasioni.
Acquistare un bulldog da chi alleva con criterio e professionalità, significa avere una guida per tutta la vita del cane, un punto di riferimento a cui chiedere consigli o aiuto in caso di necessità.
Un allevatore serio testa i riproduttori, deposita il dna, fornisce il pedigree e una serie di documenti che attestano e dimostrano il lavoro di selezione fatto. I cuccioli vengono ceduti intorno ai 90 gg completamente vaccinati, con certificato di salute e chippati e ovviamente il pedigree.
Il lavoro di selezione che l’allevatore fa ha un costo, come costa la gestione della cucciolata, le notti insonni, il cibo, i vaccini, il chip, le varie visite veterinarie nel corso dei primi 3 mesi di vita.
 Tutto questo fa notevolmente alzare il prezzo di vendita, ma si ha la certezza che a monte ci sia un lavoro fatto come si deve. Il pedigree ha la sua importanza, per certificare la linea di sangue, ma testare i cani è ancora più importante, solo così si può ridurre al minimo il rischio di avere un cane malato.
Manuela Chicco

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here