Home Articoli Bulldog essentials: Sincronizzazione dei calori in allevamento. Luana Martinini

Bulldog essentials: Sincronizzazione dei calori in allevamento. Luana Martinini

0
Quando in allevamento si hanno più fattrici , può succedere – anzi succede quasi sempre – che i calori si sincronizzino, spesso seguendo il ritmo delle femmine più dominanti.
Questo meccanismo è ciò che resta di un fenomeno ancestrale; in natura questa sincronizzazione presentava degli indubbi vantaggi, dato che permetteva alle femmine del branco di  aiutare la femmina alfa ad allevare i suoi cuccioli, o di sostituirla in caso questa fosse deceduta. La femmina alfa era l’unica femmina del branco a riprodursi.

Il fenomeno della sincronizzazione dei calori è noto fin dal 1800 ed è stato  descritto da un botanico svedese, che aveva osservato che quando nel villaggio una cagna entrava in calore, altre cagne che abitavano
nelle vicinanze, presentavano segni di estro. In allevamento è da tenere sempre presente la sincronizzazione dei calori  per una questione meramente di tipo organizzativo: per non ritrovarsi cioè  in pochi mesi con tanti cuccioli, con le difficoltà
che da questo possono derivare, e poi per molti altri mesi senza cuccioli.E’ fondamentale annotare sistematicamente le date dei calori per ciascuna fattrice. Questo permette di essere sempre al corrente dello stadio del ciclo delle cagne (e quindi poter programmare le cucciolate) e  di avere una banca dati che è di basilare importanza, soprattutto nel caso sopraggiungano malattie o problemi di infertilità.

E’ da tenere presente che in allevamento, in  caso di una compresenza tra femmine molto dominanti ed altre molto sottomesse, queste ultime possono non esprimere calori ( calori inibiti). Gli scienziati spiegano
questo accadimento come  dovuto all’effetto di ferormoni secreti dalle cagne dominanti.

Talvolta è necessario separare queste cagne con  calori
inibiti dal resto del branco, affinchè possano ritrovare una ciclicità normale. L’unica possibilità di prevenire questa sincronizzazione è separare le cagne.Esistono dei protocolli di induzione dell’estro, ma il tasso di gestazione che ne consegue rimane basso. Infatti i follicoli ovarici così ottenuti si presentano di scarsa qualità. Inoltre questi protocolli ormonali aumentano il rischio di cisti ovariche o di piometra.


Luana Martinini
Buck And Sons Bulldogs
www.buckandsonsbulldogs.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here